image
Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit voluptatem accusantium doloremque. Perspiciatis unde omnis iste natus error sit voluptatem accusa.
Search
 

Loto

LOTO

Il Loto (Nelumbo Nucifera), comunemente noto anche come Loto indiano o ninfea cinese, è un superingrediente usato per le sue numerose proprietà benefiche anche nella cosmesi. È ricco di saponine, sostanze con proprietà antibatteriche e anti infiammatorie che lo rendono un ingrediente perfetto per controllare il sebo in eccesso contribuendo allo stesso tempo a mantenere la pelle idratata.

Tutte le proprietà del Loto che contribuiscono ad ottenere una pelle pura si trovano nella linea viso Mattyfing & Puriness de I Coloniali creata insieme alla collaborazione dell’Università di Pavia pensando alle donne che combattono tutti i giorni contro gli inestetismi della pelle mista e dei pori evidenti.

INDICE:

Loto: significato e usi

Il Loto é ricco di saponine, sostanze con proprietà antibatteriche e antinfiammatorie; per questo rappresenta un ingrediente perfetto per controllare il sebo in eccesso, contribuendo allo stesso tempo ad idratare la pelle grazie alle sostanze rigeneranti dei flavonoidi presenti nel suo estratto.

Il Loto è il simbolo universale di eleganza, bellezza e purezza. Una delle piante più venerate al mondo, al centro delle religioni sia Induista che Buddista, con la sua enfasi spirituale e artistica, il fiore di Loto esalta le influenze benefiche del corpo sull’anima.

È una pianta acquatica perenne e può crescere fino a 2 metri d’altezza. Le sue radici sono saldamente piantate nel fango sotto la superficie dell’acqua. I fiori crescono sul pelo dell’acqua con più di 20 petali che possono raggiungere i 5 cm di diametro. Il centro del fiore ha un ricettacolo a forma di cono sul quale il frutto di forma ovoidale si sviluppa.

Antiche pratiche medicinali collocano il Loto tra i primi esemplari con elevate potenzialità curative, mentre le antiche culture indiane, cinesi ed egiziane lo usavano sia come fonte di cibo sia come accessorio di bellezza. Anche attualmente nelle culture asiatiche, tutte le parti della pianta vengono utilizzate in cucina, anche se la parte più consumata è costituita dai semi, ricchi di amido, zuccheri, proteine, lipidi, vitamine, minerali, alcaloidi, flavonoidi e altre sostanze biochimiche.

Il Loto è inserito nella lista delle piante più belle e sacre della Terra. In antichi testi del Vecchio Testamento, in molti libri di canzoni cinesi e in antiche leggende giapponesi, il Lotus veniva descritto come una pianta primordiale.

La posizione dei petali di questo superingrendiente viene associata alla posizione perfetta nelle pratiche Yoga, dove convergono i regni fisico, mentale e spirituale dell’umanità. Lo stesso Buddha ha descritto il Loto come la purezza del corpo e dell’anima, mentre galleggia sopra le acque fangose. Per il suo simbolismo religioso, il fiore di Loto è diventato il fiore nazionale dell’India, del Bangladesh e del Vietnam.

Poiché rappresenta l’eleganza, la bellezza, la perfezione e la grazia della purezza, è spesso associato agli attributi femminili ideali. Molte parole sanscrite derivate dal Loto vengono usate per nominare le belle ragazze in tutta l’India, il Nepal, lo Sri Lanka, la Tailandia e l’Indonesia.

Per i suoi usi altamente curativi, l’Ayurvedica indiana e la medicina tradizionale cinese praticano con le diverse parti del Loto numerosi trattamenti per il corpo e per la mente. Nella medicina tradizionale cinese, gli embrioni della pianta venivano usati per curare i disturbi nervosi e l’insonnia. Attualmente il seme di loto è ancora usato come diuretico e antielmintico, così come per il trattamento del vomito, malattie della pelle e esaurimento nervoso.

Loto: proprietà

Tutte le parti del Loto vengono utilizzate per differenti usi e attività economiche. I suoi estratti sono ricchi di zuccheri, proteine e amido. Ma non solo, contengono anche asparagina, amminoacidi, riboflavina, vitamina B2, saponine, alcaloidi, composti fenolici, calcio, magnesio, rame, manganese e ferro.

I fiori di Loto contengono quercetina e isoramnetina a basso peso molecolare, uno dei principali motivi per cui I Coloniali ha deciso di inserirlo nei suoi prodotti di cosmetica molecolare.       

Le innumerevoli proprietà curative del Loto includono proprietà antiossidanti, anti-cancro, anti-fungo, antibatterico, antivirale, anti-infiammatorio, anti-obesità, anti-diarroico, lipolitico e diuretico.

Tutt’oggi a Taiwan le foglie di Loto sono popolari perché usate come ingrediente nelle bevande dietetiche in quanto favoriscono la perdita di peso. Il suo potenziale anti-obesità è stato dimostrato attraverso l’aumento della lipolisi a livello dei tessuti adiposi. Inoltre, la neferina estratta dai semi di Loto ha dimostrato di avere un effetto cardiovascolare capace di regolare il ritmo cardiaco.

Oltre che per un fattore estetico, i fiori di Loto sono principalmente usati per estrarre i flavonoidi essenziali con proprietà antiossidanti e altamente rigenerativi. Gli estratti di fiore di Loto hanno un forte potere anti-invecchiamento, favorendo un aspetto levigato, morbido e setoso della pelle donandole un aspetto più giovane.

Gli estratti di fiore di Loto possono essere adattati in formulazioni per qualsiasi tipo di prodotto cosmetico con specifiche azioni anche idratanti. I flavonoidi, costituenti primari dei petali di Loto, hanno un ottimo potere antiossidante e antibatterico. Mentre, l’attività di rigenerazione cellulare è attribuita ai carboidrati presenti nella pianta.

È stato dimostrato che gli estratti di semi di Loto contengono agenti anti-invecchiamento, proteggendo anche dai raggi ultravioletti.

Fonte: Dossier