image
Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit voluptatem accusantium doloremque. Perspiciatis unde omnis iste natus error sit voluptatem accusa.
Search
 

Angelica Sinensis

RADICE DI ANGELICA

La Radice di Angelica è uno dei superingredienti utilizzati da I Coloniali per creare la linea viso Hydra Brightening, studiata per risolvere le problematiche delle pelle secca e con incarnato disomogeneo e spento.

L’estratto di radice di Angelica è tra le piante  più utilizzate nella medicina cinese, da quando, secoli fa, gli erboristi della dinastia Tang ne scoprirono gli effetti illuminanti e uniformanti del tono della pelle. Una proprietà dimostrata anche dagli scienziati moderni e fondata sulla sua capacità di inibire la formazione di melanina.

INDICE:

Radice di Angelica: proprietà terapeutiche

La radice d’angelica contiene elementi a basso peso molecolare che la rendono un valido aiuto per prevenire e curare il foto-invecchiamento cutaneo.

La Radice di angelica è un inibitore della produzione di melanina, contribuisce ad illuminare l’incarnato rendendolo più uniforme e agisce riducendo la visibilità delle macchie scure.

Ampiamente coltivata in Cina, Corea e Giappone, questa pianta ha una lunga storia di utilizzo nella tradizionale medicina orientale dove è stata a lungo utilizzata come  rimedio per curare i problemi legati al ciclo mestruale perché arricchisce il sangue e favorisce la circolazione sanguigna.

La ricerca scientifica ha dimostrato che questo super ingrediente possiede nel suo estratto una grande quantità di oli volatili, vitamine e altri elementi organici responsabili del suo alto potere antiossidante che a sua volta contribuisce ad un alto rinvigorimento e disintossicazione del corpo.

A causa del suo uso arcaico nella medicina cinese, la composizione chimica della radice di Angelica è stata ampiamente studiata utilizzando approcci high-tech come la spettrometria di massa. Questi studi hanno indicato che gli estratti di Angelica contengono acidi organici e altri componenti attivi come le vitamine A, B, E e numerosi minerali come il calcio e il magnesio.

La radice di Angelica è stata anche usata insieme all’agopuntura per il trattamento di lesioni dolorose, nevralgie, angina e artrite.

Radice di Angelica: origini e cenni storici

Il nome più noto della radice di Angelica (Angelica Sinensis) è quello cinese “Dong Quai” ed è spesso indicato come ginseng femminile per il suo presunto ruolo di equilibratore dell’ormone. Questa radice è una delle erbe più antiche utilizzata nella medicina cinese ed ha una tradizione millenaria. Molte leggende sono legate a questa pianta miracolosa, usata come un totem spirituale per allontanare il male e portare pace e salute.

Appartenete alla famiglia delle Apiaceae, è una Ombrellifera che riesce a raggiungere anche il metro e mezzo di altezza. Le foglie si presentano larghe e dentate, di colore verde intenso che va schiarendosi sulla parte inferiore. I fiori ricordano piccoli ombrelli dal colore bianco o verde-giallastro.

La pianta di Angelica è molto diffusa in Europa nord-orientale e cresce in luoghi abbastanza umidi, lungo i ruscelli o in montagna a quote piuttosto elevate.

Uno dei medici più noti ai tempi dell’imperatore Nerone, Dioscoride Pedanico, consigliava ai suoi pazienti di usare la radice di Angelica per combattere le infezioni ai polmoni e liberarsi della tosse e del catarro.

La leggenda vuole che l’Angelica prenda il suo nome dall’Arcangelo Raffaele. Raffaele in lingua ebraica viene tradotto in “medicina di Dio”, così anche l’Angelica viene associata a una medicina divina dalle virtù miracolose.

Fonte: Dossier